L'(in)utilità della categorizzazione

“Ciò che si dice la conoscenza consiste nel ricondurre l’ignoto al noto; ma la vera conoscenza, la conoscenza essenziale, non dovrebbe procedere nel senso opposto?” Mario Andrea Rigoni da “Variazioni sull’impossibile”. Partendo da questa splendida riflessione un mio commento; il riferimento da cui partire è la tendenza, sempre più marcata, ai giorni nostri, spiccatamente in ambito lavorativo, a manualizzare e standardizzare: procedure, obiettivi, strategie; e lo spazio per la creatività?

Etichettare un’opera artistica, così come un servizio, un prodotto e al limite una persona; ugualmente definire un genere, tassonomizzando e categorizzando, è un’operazione rischiosa, non tanto o non necessariamente per il carattere di arbitrarietà della classificazione, discorso questo valido ed estensibile a qualsivoglia operazione conoscitiva in cui non siano chiare le premesse epistemologiche, quanto per il rischio di chiusura che tale movimento comporta; stabilire in sostanza l’appartenenza o meno ad un gruppo, ad un luogo, ad una scuola di pensiero, ci dice chi siamo, dove stiamo andando, mette ordine, ci preserva dal coltivare l’incertezza, ciò che all’opposto ci permetterebbe di essere maggiormente ricettivi, senza sicure, ma per questo pronti e disponibili ad accogliere il nuovo, lo straniero, la sorpresa, l’increato; a tutto ciò si potrebbe ovviare cercando di permanere nel processo, essendo consapevoli di ciò che avviene; oscillando tra i due poli dell’identità e della differenza. E-sistere in fondo deriva da Ex-sistere, nel senso di “essere fuori da” logiche e discorsi preconfezionati e precostituiti.

Un pensiero su “L'(in)utilità della categorizzazione

  1. Pensiero davvero pregno Nicola. Aggiungo di mio che purtroppo il categorizzare è una pratica che l’uomo inteso come homo economicus ha ormai fatto sua per facilitare lo scambio di informazioni, prodotti, persone, concetti. Pensa anche al solo dover categorizzare una news, un intervento come questo su un blog, al fine di farlo trovare da altri, al fine di condividerlo. Probabilmente la categorizzazione, nel nostro tempo, nella nostra umanità, è l’essenza della condivisione, della reperibilità dell’informazione.
    Senza questa difficilmente si riuscirebbe ad interagire, per come sono impostate le cose. Persino trovare un libro che parla di questo argomento sarebbe arduo: non sapresti dove cercarlo.

    @lucamich23

    Piace a 1 persona

Lascia il tuo commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.