La motivazione negli sport lunga distanza

6a628f3ecbc74f2ea39b82e72b94807c

Di seguito riporto i primi passaggi di un mio contributo apparso sul magazine della Marcialonga.

Da più parti si sente parlare di motivazione; tutti noi utilizziamo questo termine nelle nostre discussioni quotidiane, nello sport ma anche a scuola, sul lavoro, in famiglia. Frasi come: “Non ha motivazione”, “Deve trovare la motivazione dentro di sé”, “Senza la giusta motivazione non riuscirà a sfondare”, ecc…, riferite ad atleti di ogni ordine e grado, sono entrate nel lessico comune.
A queste espressioni aggiungerei anche il tema della fatica, del dolore e della sofferenza come ben riporta lo scrittore ed ultra maratoneta Murakami Haruki nel suo magnifico libro Larte di correre, riferendosi ad un concorrente che durante una maratona era solito motivarsi, caricarsi e ugualmente concentrarsi durante la competizione al motto di pain is inevitable, suffering is optional, letteralmente il dolore non si può evitare, la sofferenza è opzionale.
E la Marcialonga? Che c’entra la nostra gara più famosa con la maratona o l’ultra maratona? Di certo 70 chilometri sugli sci si possono trasformare in un percorso ad ostacoli, che mette a dura prova la resistenza dei molti che la concludono dopo ore e ore di spinte alternate. La sofferenza, in quest’ottica, risulta parte del gioco, così come la motivazione.

 

Per approfondire clicca qui!

Rafael Nadal – la descrizione della Presenza Sportiva

Quello che è avvenuto a Barcellona il 24 aprile 2016 è di certo un evento sportivo ma più che altro un racconto; una narrazione di un uomo, un campione, che ha saputo, unico nella storia come altri hanno già detto, conquistare lo stesso trofeo per ben 9 volte in altrettante manifestazioni: Parigi: Roland Garros: alza la coppa dei Moschettieri 9 volte, Montecarlo: 9 volte lo stesso Master 1000, Barcellona: 9 volte lo stesso ATP 500. Ma non è sui numeri che voglio centrare la mia attenzione, alla ricerca di prove o risultati per arrivare ad affermare che Rafacito è il GOAT, a dispetto degli attuali 17 Slam di Federer. Il tennis è uno sport che non si presta a facili confronti, assomiglia più all’epica, ad un testo fluido in divenire piuttosto che a un trattato di storiografia. Dal punto di vista mentale, in finale contro Kei Nishikori, si è ri-visto un Nadal concentrato e attento sui punti chiave, estremamente tignoso, micidiale nelle fasi calde dell’incontro (chiedere a Dominic Thiem negli ottavi di finale a Montecarlo e all’enormità di break points negati).

Abbiamo potuto ammirare quindi il rivolgersi al futuro di un ritrovato (ex) numero uno che a quasi 30 anni ha ancora qualcosa da dire al tennis; con la pacatezza e la consapevolezza di chi sa di non dover dimostrare nulla; con la forza che deriva dall’acquietamento del lavorìo mentale.

Come detto altrove la parte mentale rappresenta un quarto della componente totale che fa sì che la prestazione raggiunga il 100% del risultato possibile: la vittoria; questo è lo sport, che è sempre e comunque legato alla performance, comunque lo si voglia vedere una competizione contro un avversario, che è compagno fuori ma antagonista dentro un campo di gara. Questo “el Toro de Manacor” l’ha capito benissimo, tanto da coltivare il primo quarto, lo spirito (attraverso una educazione stringente, va detto, ad opera di Zio Toni, si leggano a tal proposito queste dichiarazioni) così come gli altri quarti: l’atletica (il fisico, il bio, in altri termini il corpo), la tecnica e infine la tattica (il game plan).

 

nadal_barcellona_getty

Il terraiolo più forte di sempre, raggiunto Guillermo Vilas a quota 49 trofei sul rosso, si appresta a vivere l’ultimo scorcio di carriera con serenità… Sa di essere lì, si diverte in campo, lotta, corre, recupera per poi alzare la palla, fiondandola nella metà opposta con una rotazione che nessuno ha mai raggiunto… Così che i malcapitati si ritrovano a giocare sui cartelloni di fondo. E questa, se mi si permette, è tecnica, con buona pace dei detrattori del gioco dello spagnolo.

Ammirabile, come sempre, nelle interviste, il suo atteggiamento rilassato e prudente, nel pre come nel post partita; per inciso si ricorda che Nadal è tra i pochi tennisti professionisti a dimostrare in campo un rispetto tale per questo sport da non aver mai rotto una racchetta o aver mai palesato atteggiamenti di aperta ostilità verso i suoi avversari così come verso il giudice di sedia o di linea. Chapeau!

Riprendendo il titolo di questo breve articolo potremmo introdurre il termine Presenza Sportiva per sintetizzare la posizione di quello sportivo che nei confronti di uno o più avversari è in grado di palesare una condizione di chiara e manifesta superiorità; tale situazione, percepibile da chi si trova collocato in posizione down, consente una gestione ottimale delle differenti e mutevoli dinamiche dell’incontro; come risultato di tale applicazione il giocatore governerà l’andamento del match; altrove tale analisi è stata condotta e sintetizzata impiegando termini come trance o furore agonistico, flow.

Il costrutto di Presenza Mentale, diversamente, in questa accezione, vuole descrivere una competenza di gestione del processo: la partita di tennis; ciò si rende possibile attraverso uno specifico allenamento (training) che a livello teorico e di modello ha un ancoraggio nello schema a torta (a quattro quarti) già citato: la padronanza simultanea di tutti gli elementi provenienti dalle fette: mentale, atletica, tecnica e tattica ha come unico risultato la vittoria.

Mental Training: spunti per una riflessione possibile

Con mental training, o allenamento mentale, ci riferiamo a una serie di pratiche psico-corporee, più o meno formalizzate e costituitesi a livello di tecnica o protocollo, attraverso le quali è possibile migliorare le prestazioni degli atleti in ambito sportivo.

 

107296_500x348

 

Questo ambito di studio ha riscosso, nel corso degli ultimi dieci / vent’anni, un notevole interesse di pubblico, in parallelo alla diffusione e all’impiego della psicologia negli ambiti più diversi della società civile. In particolare, per quanto concerne il tennis, si è assistito a una proliferazione di pubblicazioni e approfondimenti, ad opera di tennisti professionisti ma non solo, con un focus preciso sulla cosiddetta “dimensione” o “forza mentale”: questa categoria di senso comune comprende in realtà un variegato panorama di dispositivi conoscitivi legati ad una generale esigenza/richiesta, da parte degli sportivi, di incremento dell’auto-consapevolezza; riporto di seguito, a titolo esemplificativo, alcune domande alle quali i tennisti cercano di dare risposta durante un incontro: “Cosa mi sta succedendo in questo momento?”, “Perchè mi sento nervoso?”, “Cosa mi ha detto di fare il mio allenatore in questi casi?”, “Come posso riuscire a batterlo se non sta sbagliando nulla?”… Il cosiddetto self-talk costituisce una parte rilevante e significativa dell’attività mentale di ogni tennista, il quale, oltre a rivolgersi delle domande, si carica o si deprime attraverso delle specifiche esortazioni: “Dai adesso, non mollare”, “Sei un cretino, sulla palla break non dovevi tirare così forte”, “Ormai è finita, sono fuori!”… Impiegando nel farlo la prima o la terza persona indistintamente. Ciò che è evidente da questi spunti è che i processi mentali o psicologici interagiscono con la dimensione corporea, stabilendo quali azioni intraprendere nei confronti di condizioni di gioco estremamente stressanti. L’aspetto della tensione pre-gara, durante alcune fasi calde di una partita, così come in avvenimenti particolarmente lunghi in termini di durata; si pensi allo sforzo, agli scambi interminabili, allo strain, nei tornei dello Slam giocati al meglio dei 3 set su 5 dove le partire possono durare anche cinque o sei ore; tutto ciò è intimamente connesso con questa pratica sportiva. A livello fisiologico tale condizione è tendenzialmente evitabile, ovvero non ricercata, ponendoci pertanto di fronte al dilemma/dramma evolutivo-filogenetico del “fight or flight” (combatti o fuggi), immaginando lo sviluppo di tale funzione adattativa fin dalle origini: l’uomo, oggi come allora, di fronte al rischio di essere divorato da una belva feroce, aveva due possibilità: lottare o tentare la via di fuga (quest’ultima eventualità è ciò che propriamente succede su un campo da tennis allorquando l’osservatore attento a bordo campo inizia ad esprimersi con commenti del tipo: “Orma è uscito dal match”, “Si è sciolto”, “Con la testa è già in doccia”, “Quando c’è da lottare piuttosto che stare in campo butta via tutto”…). Immagini queste sommamente evocative. Il dialogo interno così come il funzionale riconoscimento dello stress sono due fattori che un esperto mental trainer può impiegare per “accendere una lampadina” nell’atleta, per donare cioè un nome ad esperienze confuse e ad alto tasso di frustrazione: si consideri qui la rilevanza, ai fini dello score, degli errori gratuiti (o non forzati) nell’economia di un incontro. All’interno di un ambito di ricerca e di applicazione che ha appena iniziato a muovere i suoi primi passi, la figura del mental trainer si colloca a scavalco, con funzioni di psicologo, laddove sia presente specifica formazione, o alternativamente di mediatore, facilitatore della comunicazione tra allievi, genitori, maestri, preparatori atletici, ridefinendo e riconfigurando ogni volta uno spazio generativo di nuovi processi legati alla miglioramento delle performances.

Il cambiamento di “tipo 2” nello sport e nel gioco del tennis

Cosa intendiamo quando parliamo di cambiamento di “tipo 2”? Da dove deriva questa espressione? Esistono due tipi di cambiamento quindi? Secondo la psicologia della Scuola di Palo Alto, a cui si deve questa concettualizzazione, nelle relazioni umane disfunzionali tendiamo a mettere in scena le cosiddette “tentate soluzioni”, ovvero ci sforziamo di risolvere un problema attraverso modalità che non fanno altro che mantenerne inalterata la composizione. Il riferimento qui è Change di Paul Watzlawick, John H. Weakland, Richard Fish, un testo degli anni Settanta di assoluto valore e attualità.

Per capire però di cosa si tratta possiamo prendere come esempio il gioco dell’unire 9 punti con 4 linee in modo tale che disegnando la formazione su un supporto, con uno strumento scrivente, dobbiamo essere in grado di svolgere questa operazione senza staccarci dalla base su cui stiamo tracciando:

9punti

La soluzione, che potete trovare su internet o nel libro citato, è possibile solamente uscendo dallo schema prefissato, assumendo una prospettiva nuova, grandangolare, che muta l’equilibrio, rompendo la coerenza e creando un nuovo assetto… Con una bellissima parola, una nuova mescola.

Potremmo dire, con gli autori di Change, che mentre il cambiamento di “tipo 1” è sempre basato sul senso comune, il cambiamento di “tipo 2” di solito è bizzarro, inatteso, illogico; il modo con cui si produce è cioè caratterizzato dalla presenza di un elemento paradossale, sconcertante.

Ora: è possibile operare un cambiamento di “tipo 2” nelle competizioni agonistiche? La risposta è sì. Un bell’esempio di come ciò sia traducibile su un piano di realtà, oltre il gioco dei nove punti e a ripresa dell’affondo conoscitivo del gruppo della Scuola di Palo Alto, celo offre Michael Chang; un tennista: siamo nel 1989, ottavi di finale del Roland Garros (per inciso edizione che questo campione finì per aggiudicarsi). Dai due lati della rete, come spesso accade nelle grandi sfide, due modelli, due mondi, due stili di gioco; la creatività dell’americano-taiwanese Michael Chang contro l’incrollabile freddezza del ceco Ivan Lendl; nonostante i crampi è il primo a trionfare, vincendo una partita pazzesca grazie ad una consapevolezza strategica dei propri mezzi senza eguali. Completamente nel flow (detta anche zona o trance agonistica) nel filmato più sotto possiamo osservare cosa avviene; per ben due volte quello che accade ha dell’incredibile:

A conclusione di quanto si è visto una considerazione ulteriore per maestri, allenatori, genitori, semplici appassionati: come Chang nel 1989 anche oggi, a qualsiasi livello agonistico, rimanendo nelle regole del gioco e del rispetto per l’avversario, possiamo utilizzare delle strategie, avere dei guizzi, mettere in scena un personaggio con l’obiettivo di vincere correttamente una partita. Lasciamo quindi che i più giovani possano sperimentarsi, divertendosi e migliorandosi allo stesso tempo. In linea con queste affermazioni Il tenniS di Sinnet rappresenta un innovativo progetto educativo-formativo rivolto a bambini e giovani ragazzi con l’obiettivo di insegnare qualcosa rispetto a questo sport, considerando la rilevanza dell’equilibrio e della salute psicologica delle giovani generazioni.

La psicologia può occuparsi di sport?

1388881205000-EPA-QATAR-TENNIS-ATP-WORLD-TOUR-2014-001Per giocare a tennis non servono psicologi. Gli psicologi aiutano per i temi importanti della vita, non per giocare a tennis, che non deve diventare una cosa drammatica o più speciale di quanto non sia. Capisco l’aiuto di uno psicologo per un tennista, ma solo per la vita fuori dal campo“.

Così Rafael Nadal: il campione maiorchino, vincitore di 14 titoli Slam e considerato da tutti, addetti ai lavori e semplici appassionati, come un esempio di lealtà, abnegazione, atleticismo, ma soprattutto, forza mentale.

Mio caro Rafa! Quest’ultima dimensione, nata, accolta, coltivata nel tempo grazie agli insegnamenti impartiti dal tuo mentore e coach, Zio Toni, ti ha consentito fin qui di giocare con maggior tranquillità i punti chiave dei moltissimi match disputati a livello professionistico. Sessantacinque sono le tue coppe in bacheca!

Perché non pensare, quindi, alla possibilità che anche altri tennisti, meno quotati su questo aspetto, possano agevolarsi di questi insegnamenti? Sviluppando conoscenza e di conseguenza una diversa attitudine in campo?

Fortunatamente la psicologia non si occupa solo di malessere, clinicizzando e patologizzando ogni condotta che gli capiti a tiro, ma anche di benessere e salute, promuovendo comportamenti virtuosi e responsabili… Perché il tennis sarà pure un gioco ma alla fine chi alza il trofeo è solamente uno dei due contendenti!!

Game! Set! Match! (o Gioco! Partita! Incontro… Se preferite)

Game! Set! Match!

Sì, ma quanta fatica per concretizzare il match-point, quanta fatica per guadagnarsi la possibilità di giocarsi un match point!

Fred Gilbert, ex giocatore ATP, nel suo libro “Vincere sporco, guerra mentale nel tennis – lezioni da un maestro” (ed. Priuli e Verlucca, 2014), ci svela come in passato sia riuscito a battere giocatori sulla carta molto più quotati di lui; in particolare ci svela un aspetto del suo gioco molto spesso trascurato dagli altri tennisti: mentre su fasi di punteggio come 40/vantaggio int o est. o 40/0 o 40/15, sia nella posizione di battitore che di ribattitore, un campanellino d’allarme si accende comunque, istintivamente, ovvero tale processo d’attivazione è dovuto alla particolare condizione in cui ci pone il punteggio (momento decisivo per le sorti del game), e quindi subiamo immancabilmente più pressione (stress da cui tendiamo a fuggire nella logica ‘combatti o fuggi’); nel caso di punteggi come 30/15 o 15/30, quelli che Gilbert chiama “punti preparatori”, la pressione è minore ma proprio per questo possiamo/dobbiamo giocare in modo più accorto, perché è da qui che ci si porterà a giocare un punto fondamentale per le sorti del Gioco (Game). Non tutti lo sanno fare, sicuramente in pochi con la qualità e la continuità che contraddistinguevano il gioco dello stratega Fred Gilbert.