Sostenibilità a livello olistico: la lezione di Jason Jay

Risulterebbe impresa destinata al fallimento il tentativo di comprimere in poche righe la lezione di Jason Jay: rilevanza e vastità dei temi trattati, visione grandangolare, profondità d’analisi, umiltà che diviene pragmatismo e capacità di interazione in aula utilizzando con proprietà e competenza la lingua inglese e l’italiano, in un gioco di scambi degno di un vero e proprio Wegweiser: un segnavia.
Ugualmente ne seguirò il tracciato, riportando alcune considerazioni su come si è svolto questo secondo appuntamento, sorta di cronaca, all’interno del percorso formativo organizzato da TSM e Università degli Studi di Trento; il 16 e 17 maggio l’Evento per i partecipanti alla prima edizione dell’Executive Master: Creazione di business sostenibile: strategie e modelli di organizzazione per l’innovazione sociale: per due giorni il nostro homo viator sarebbe stato il Prof. Jason Jay, Director of the Sustainability Iniziative at Massachussets Institute of Technology (MIT).

La direzione incerta, titolo dell’intervento: “Misurare l’impatto sociale”.

Jason-Jay-066-profile (il Prof. Jason Jay)

Tenterò quindi anch’io il mare aperto, rari nantes in gurgite vasto, partendo da ciò che Jason ha indicato essere la Sostenibilità in una prospettiva modulare, interdipendente, embricata, riguardando in ultima il livello di interconnessione dei sistemi socio-economici; cos’è quindi questa Sostenibilità che azzarderei a definire olistica, universale se consideriamo ciò che negli Stati Uniti sta portando avanti, per altre vie, l’Attivismo Quantistico di Amit Goswami.
La Sostenibilità, articolata secondo il modello del gruppo di lavoro al MIT, va presa alla lontana, per così dire, in senso unificante, componendosi – a livello descrittivo e di modellizzazione – di più dimensioni:
1) AMBIENTALE
2) SOCIALE
3) ISTITUZIONALE (fondamentale la componente legislativa)
4) ORGANIZZATIVO AZIENDALE
5) PERSONALE
Su ogni segmento si è lavorato approfondendo e sviscerando il concetto, meglio ancora costrutto, da ogni angolatura, per giungere sul finale, a martedì inoltrato, alla conduzione di un affondo da parte di Jason che è suonato come richiamo alla responsabilità del singolo, nel proprio operare quotidiano, perché alla base di ogni processo decisionale sul mercato delle transazioni umane vi è una scelta, che è tale solo se è consapevole.
Interessante a riguardo è l’emergere, negli Stati Uniti, di un Forth Sector, un quarto settore, a scavalco, in quanto integrante gli interessi di una economia circolare dove ciò che è ibrido e innovativo premia in termini finanziari, ma soprattutto sociali in una nuova concezione di welfare partecipato; nella selva italiana qualche buona prassi potrebbe nascere dai Social Impact Bond. Ma siamo alla preistoria. Jason ha illustrato in maniera chiara le potenzialità di business del Quarto Settore oltreoceano, quadrante di convergenza tra pubblico e privato, dove operano con ottima capacità di movimento le cosiddette For Benefit Company, a tutti gli effetti un nuovo istituto.

Moltissimi altri spunti sono stati dati in aula dal conduttore: si è conversato di Indice di Progresso Sociale, arrivando a delineare, in un caso, la formula del successo.

Un’esperienza unica di presa visione… Di slancio conoscitivo, per provare a immaginare anche localmente altri mercati ed altre economie di sperimentazione.

Organizzazioni ibride: verso la convergenza di for profit e non profit

Il 23 e 24 febbraio ha preso avvio a Trento, presso la sede di ISA (Istituto Atesino di Sviluppo), Quartiere le Albere, la prima edizione dell’Executive Master in “Creazione di business sostenibile: strategie e modelli di organizzazione per l’innovazione sociale”; vicenda nata dalla collaborazione tra TSM (Trentino School of Management) e Università degli Studi di Trento.

Il corso, rivolto a una quarantina di partecipanti variamente distribuiti in termini di esperienza e provenienza, ha visto l’intervento apripista del Professor Antonino Vaccaro, esponente di spicco di una tra le Business School più affermate d’Europa (IESE); con approccio pragmatico, volto all’esercizio (learning by doing), attraverso lavori di gruppo e confronti serrati su casi specifici, Nino ci ha condotti per sentieri tortuosi, lungo i ripidi pendii dell’analisi socio-economica di questi nuovi istituti, organizzazioni ibride, a scavalco, nate dalla commistione di elementi provenienti dal for profit così come dal non profit. In tal senso non si è partiti da alcuna definizione manualizzata, privilegiando in questo modo l’approccio del fare assieme.

Richiamandomi al bel libro di Giovanni Moro, dal titolo provocatorio di “Contro il non – profit” (Edizioni Laterza, 2014), sempre più operatori e analisti si trovano a dover riflettere sulla natura di questi nuovi fenomeni o entità ibride, in qualche modo spurie.

Ma queste categorie antitetiche sono ancora esplicative di modelli organizzativi diversi? E’ possibile accostare ed in ultima coniugare business e sociale, ovvero considerare attigui e osmotici questi due mondi? Se sì, come è possibile generare processi che vedono al centro la dimensione etica tipica dei sistemi social (“fare il bene” come aspetto antropologicamente costitutivo della nostra umanità), con l’esigenza del business e quindi del guadagno?

Il Professor Vaccaro è convinto della necessità che il non profit si doti di dispositivi che ne favoriscano prima di tutto la trasparenza verso l’esterno, disvelando così la dimensione valoriale che è loro insita e che è punto di forza, se ben impiegata.

Interessante, da qui, vagheggiare sul contributo che la psicologia può fornire nella definizione dei processi decisionali delle persone, ovvero di tutti coloro che – di fatto – co-costruiscono il mercato degli scambi di beni e servizi.

Il master proseguirà il 16/17 marzo con Jason Jay, MIT (Massachusetts Institute of Technology).